Archivio dell'Arte Italiana

  • Cappello a cilindro

  • Natura morta

  • Dopo il bagno

  • Il lampione

  • Ercole

  • Pensando

Ricerca Artista per Cognome

Ricerca per Sezione
Ricerca per Regione
Ricerca per Categoria


Cerca artista: imposta uno o più parametri e fai click su
Artisti dalla A alla Z
News e Mostre dell'Arte Italiana
  • 2017 - MILANO: 30.11.2017 "LE CASE DANZANTI - MATTEO BOATO", 6pm - MINOTTI CUCINE, via Larga 4, Milano. www.minotticucine.it

  • Le opere di Sergio Giromel (1952/2015) (presto inserito nell'Archivio Monografico dell'Arte Italiana) presenti alla mostra di arte contemporanea "Variazioni connessioni urbane" Complesso Monumentale San Severo al Pendino, Napoli. 11/25 ottobre 2017.

  • VENEZIA – PALAZZO ZENOBIO MOSTRA D’ARTE CONTEMPORANEA “ART WALK 2018” - Curatore Artistico: Loredana Trestin - Organizzazione a cura: Anna Rita Boccolini. 10 febbraio/10 marzo 2018.

  • PERUGIA - Rocca Paolina - Mostra d'arte "intimArte" inaugurazione domenica 10 settembre 2017 ore 12.00 con la presenza del critico d'arte Vittorio Sgarbi.Il presidente dell'Archivio Monografico dell'Arte Italiana, Michele Maione presenterà gli artisti inseriti nel nostro portale: Andrea Arnaboldi - Mariarita Valussi - Ma - Ludovico Massone. Curatore artistico: Loredana Trestin, gallerista e curatrice d'arte genovese. Organizzazione di Anna Rita Boccolini, associazione artistica "I2colli".

  • Mostra d'arte espongono: Renato Cestaro - Carlo Scomparin - Grazia Zuccolotto Galleria "Via Claudia Augusta" Piazza Maggiore, Feltre (Belluno). Inaugurazione sabato 30 settembre ore 16.00.


Tutte le novità sul mondo dell'Arte
Sedi Espositive dell'Arte

Pittrice Poetessa | Arianna (Toma)

Arianna (Toma) nasce a Benevento opera in Campania nella specifica di Corrente figurativa .

Le opere di Arianna (Toma)

Cappello a cilindro di Arianna (Toma)
Natura morta di Arianna (Toma)
Dopo il bagno di Arianna (Toma)
Il lampione di Arianna (Toma)
Ercole di Arianna (Toma)
Pensando di Arianna (Toma)
Biografia
|
Critiche
|
Mostre
|
Informazioni
Arianna Toma nasce a Benevento, dove vive e lavora. Professoressa di matematica e laboratorio. Pittrice e poetessa. Firma le sue opere d'arte con il nome "Arianna".
Svolge la sua attività artistica-letteraria 
da autodidatta, si avvicina alla pittura sviluppando un percorso creativo originale che Le permette di ricevere numerosi premi e riconoscimenti. 
Le sue opere pittoriche fanno parte di collezioni private in Italia e all'estero, sono custodite presso il Museo d'arte sacra, al Santuario di Nostra Signora del Buon Consiglio di Santa Maria la Bruna (Napoli).
Arianna, percorrendo diverse correnti artistiche e sperimentando numerose tecniche pittoriche, mostra la sua creatività e la sua passione artistica elaborando opere di grande raffinatezza estetica e di notevole originalità.
 
Guarda il video delle opere di Arianna

 
"Uomo" - 2011

mista su carta - cm 34x48


"Pensiero"

tecnica mista su carta - cm 35x50

____________________________________________________________________________________

Arianna Toma è iscritta in numerose accademie artistiche e letterarie, scrive poesie, racconti che pubblica su oltre quaranta antologie, su riviste ed enciclopedie. L'artista Arianna collabora con le riviste nazionali "MYSTERO", "INCONTRI", "ARCHEOLOGIA PROIBITA", dove pubblica: articoli di storia antica, archeologia misteriosa-alternativa e storie tratte da tradizioni popolari.
Le sue poesie sono pubblicate nel portale: http://clubautori.it/arianna.toma

Tra le sue pubblicazioni poetiche segnaliamo
:
1999 - "Fili di seta".
2000 - "Poesie".
2004 - "Il buio del giorno".
- "Sogni".
2009 - "Dolci tormenti" poesie.

Per la narrativa:
2001 - Racconti.
2005 - "E la pioggia continua a cadere...".
2006 - "Aetatis Floris".

Per la saggistica:
2000 -  "Traiano e il suo Arco".
2001 - "Il culto di Iside a Benevento".
2007 - "Verso l'illuminazione".
- "Viaggio nella dispersione scolastica".

____________________________
 
PENSIERI CRITICI SULL'ATTIVITA' POETICA DI
ARIANNA TOMA:

"L’esperienza poetica di Arianna è considerevole, le sue parole si animano all’interno degli sviluppi sociali ed umani, un impegno poetico che scava nel profondo del pensiero dell’autrice che con ardore e passionalità, unisce le parole attraverso l’amore del suo cuore. Le poesie scorrono attraverso uno stile limpido e nello stesso tempo penetrante, un chiaro talento poetico ed una maestria tecnica per la pittura raccontano il mondo interiore di Arianna.
La poesia è spontanea ed istintiva, come per la pittura, i filoni conduttori dei versi di Arianna sono qualità fantastiche e sognatrici ravvivate da una chiara attitudine narrativa, una descrizione precisa di emozioni e di attimi fuggenti."
Archivio Monografico dell'Arte Italiana - settembre 2016
 
 
"... I suoi versi racchiudono i ricordi, i desideri, le speranze di una giovinezza mai vissuta."
Prof Corrado Palmisciano  
____________________________
 
- "Dolci tormenti" poesie di Arianna Toma.
Pubblicazione anno 2009, Casa Editrice Ismeca.
INTRODUZIONE DELL'AUTRICE:
"Quando si compone una poesia, attraverso il groviglio delle parole, si esprimono sentimenti, immagini, racconti di vicende reali e immaginarie e perfino l'esposizione di concetti filosofici o scientifici. La poesia non è affidata soltanto al significato delle parole e dei loro nessi, ma anche ad un ordinamento formale del discorso che, deliberatamente, si propone di impiegare i valori fonetici e suggestivi delle parole, come mezzi primari d'espressione di ciò che viene definito il soggetto o contenuto.
Nella composizione poetica il gioco degli accenti, tonici e ritmici, delle terminazioni dei vocaboli in vario modo ordinate, delle allitterazioni e delle interruzioni di senso, ha dunque una parte decisiva, anche se diversamente svolta secondo le leggi fonetiche e grammaticali delle diverse lingue, secondo il variare dei gesti e delle poetiche. La poesia è dunque tale per la sua forma in quanto forma, insieme della materia e dell'argomento.
La perfetta definizione della poesia è forse quella di Dante il quale scrisse nel Convivio che la poesia è fatta di parole per legame musaico armonizzate. Da questa constatazione si deduce che è impossibile tradurre una poesia da una lingua all'altra senza rompere tutta la sua dolcezza e armonia.
Spesso la poesia viene confusa con la prosa, ma sono due concetti ben distinti. Nella prosa la forma delle parole è al servizio del significato, mentre nella poesia il significato esiste soltanto nella forma e per la forma. La poesia si distingue anche dalla musica vocale perché in quest'ultima la materia è il suono, non la parla come tale, presa in considerazione soltanto come una veicolo del suono. Poiché i caratteri che definiscono una composizione come poetica, sono comuni a tutte le composizioni poetiche possibili, il vocabolo poesia serve anche a designare l'essenza della poesia come arte.
Nell'estetica moderna, inoltre, a partire dal Romanticismo, si suole identificare con la poesia l'essenza stessa dell'arte in generale, e si parla di poesia e di prosa nella pittura, scultura, architettura, musica, teatro, cinema. Pertanto l'espressione opera di poesia viene adoperata come sinonimo di opera d'arte riuscita, meritevole di lode in quanto opera d'arte.
Trattasi, peraltro, di un impiego metaforico del vocabolo, fondato sulla constatazione che in tutte le opere d'arte, nei modi propri di ogni arte, ha luogo quella perfetta unità di soggetto o contenuto, di materia e di forma che riconosciamo in ogni bella poesia.
In taluni indirizzi dell'estetica moderna, inoltre, questa identificazione dell'essenza universale dell'arte con la poesia, ha anche un significato restrittivo e si fonda sulla considerazione che l'essenza dell'arte è il sentimento e che la poesia deve intendersi come espressione di un sentimento, mentre vanno considerate prosa le composizioni il cui soggetto o argomento non sia lirico, ma ragionativo o narrativo. Le altre arti sarebbero dunque poesia in quanto esprimono un sentimento e solo nella misura in cui esprimono un sentimento.
Le più recenti tendenze dell'estetica tendono, peraltro, a considerare la poesia come un'arte diversa dalle altre perché impiega la parola diversa da quelle di cui si avvalgono le altre arti e la impiega in una maniera diversa da come la impiega la prosa.
Negli ultimi anni ha preso piede un'altra forma di poesia: quella avanguardistica. Essa si discosta nuovamente dagli schemi classici e fluisce dall'incomprensione del testo. Poesia moderna, è vero, ma pur sempre poesia dove la parola è l'unica essenza materiale a dettar legge.
Arianna Toma.
 
LE POESIE DI ARIANNA TOMA:
Acquerello
Soffi leggeri di colore
Si sovrappongono
Sul bianco foglio
Macchie informi disordinate
Di un pensiero.
Il rosa primeggia
Il lilla lo contorna
E un misto
Di grigio e marrone
Li avvolge.
Il pensiero è il pennello.
Corre veloce
Con mano ferma e sicura
Guidato
Da quel pensiero nascosto.
Ecco, ho preso forma.
E il tuo volto mi guarda.

Una strada per la verità
In solitudine
cavalco il carro alato della libertà
per librarmi, voluttuosa,
nell'aria profumata di niente.
Frammenti di vento
si posano leggeri sul viso
inebriandolo di purezza
pulendolo del grasso della solitudine.
Fecondo il mondo
tra le spire dell'incomprensione
e intraprendo il giusto cammino
della tolleranza.
Il mio respiro si perde nell'aria
profumata di terrore,
mentre la morte silenziosa
accompagna la strada della verità.

Un soldo di serenità
Truci mattini
si avvorticano lenti
mendicando
briciole d'amore.
Turbini di vento
un quotidiano accattone
chiede un soldo di serenità,
fascinoso nembo
scuro,
pieno di pioggia
riatomizza i pensieri.
 
Danza
Diruti scogli
Ascosi anfratti
Piangono
Nella notte bianca
Illuminata da una luce nera
Ormeggiata
Tra i cancelli del cielo.
Al sibilar delle onde
Sopite radici
Di momenti decaduti
spandono
Spore d'amore perduto.
Raccolgo, distrutta, 
Passi antichi ricordati
Nei chicci dell'oblio
Mentre, freddo,
danza il fuoco dell'amore.
 
All’ombra di un lampione
All’ombra di un fioco lampione
passeggio guardando la debole fiamma
che illumina di poco il cammino.
E ricordo vicini giorni passati
eppure tanto lontani
un punto all’orizzonte
cancellato da una goccia di vento.
Momenti passati all’ombra dello stesso lampione
avvinghiata al tuo braccio sicuro
un attimo lieve
appagata nella tua stretta
voluttuosa e falsa.
Non vedo l’inganno.
e la passione di un bacio
nasconde e dimentica il mondo d’intorno.
Una pace interiore
un orgasmo molle e fluttuante
riempie l’anima accorata
di rami avvinti
come un’edera impazzita.
Sento cori di angeli
pietrificati dalla falsità
del tempo trascorso con te e per te.
Satura ormai di un amore trascorso
di un odio sopito
mi illumino alla fioca luce del lampione
e sorrido.
Arianna Toma

Archivio Arte Italiana Vernissage - Pittori Emergenti - PI: 02898650136 Mostre Artisti Italiani | Sviluppo siti web Milano