Archivio dell'Arte Italiana

  • Maschere appese

  • Maschera dal mantello viola

  • Maschere a Venezia

  • Il Carnevale a Venezia

  • Fantasia di maschere

  • Maschere a Palazzo Ducale

Ricerca Artista per Cognome

Ricerca per Sezione
Ricerca per Regione
Ricerca per Categoria


Cerca artista: imposta uno o più parametri e fai click su
Artisti dalla A alla Z
News e Mostre dell'Arte Italiana
  • "I colori della poesia" rassegna artistica. La visione del mondo attraverso colori e parole. Pomigliano d'Arco (Napoli) storica Distilleria III edizione cerimonia d'inaugurazione venerdi 13 gennaio 2017.

  • Centro accademico Maison d'Art Biennale nazionale "Premio Joan Mirò" inaugurazione sabato 3 dicembre 2016 ore 17.30 città di Asolo (Treviso) - Fondazione - Fornace dell'innovazione

  • "DIALOGO" Venezuela - Italia, Sabato 22 ottobre alle ore 18,30 cerimonia di inaugurazione della Rassegna Internazionale d'Arte Contemporanea artigianato e prodotti enogastronomici, per l'occasione saranno esposte per la prima volta alcune tele della recente produzione artistica di Tiziano Marchioni.

  • Biennale d'arte Contemporanea di Salerno: Targa di merito per l'opera realizzata dall'artista Rosanna Anelli dal titolo: "Identità inafferrabile. Nascondo lo sguardo per cercare quello che non vedo"

  • L'artista Michele Nave presente con le sue opere alla mostra d'arte "L'apparenza incanta" 12-19 novembre 2016 Castello di Fiano Romano (Roma), Piazza Matteotti.


Tutte le novità sul mondo dell'Arte
Sedi Espositive dell'Arte

Pittrice | Franceschi D.

Franceschi D. opera in Veneto nella specifica di Corrente figurativa Corrente astratta .

Per Informazioni: antonio.franceschi514@virgilio.it

Le opere di Franceschi D.

Maschere appese di Franceschi D.
Maschera dal mantello viola di Franceschi D.
Maschere a Venezia di Franceschi D.
Il Carnevale a Venezia di Franceschi D.
Fantasia di maschere di Franceschi D.
Maschere a Palazzo Ducale di Franceschi D.
Biografia
|
Critiche
|
Mostre
|
Informazioni
Franca Donati Franceschi in arte Franceschi vive e lavora ad Albignasego (Padova). Pittrice, scenografa e collezionista.
 
PENSIERO DELL’ARTISTA:
“Da sempre subisco il grande fascino delle maschere; la loro ambiguità e mistero. Attraggono la mia mente, che le vede, nel loro peregrinare, confondersi con l'uomo, nel suo percorso di vita. Diversi sono i miei modi di rappresentare le maschere, ora figurative, espressioniste o impressioniste, ora astratte, nella continua ricerca di alterità. L'ultima variazione sul tema sono le maschere seminascoste, raffigurate in una dinamica effervescente, in una allegra atmosfera con colori vivaci, tipici del carnevale. Dal 1994, per solidarietà nei confronti delle mie colleghe, ho iniziato a collezionare, nella mia abitazione, opere di pittura, scultura e grafica di artiste. Questa mia iniziativa, che ha dato origine al gruppo "ARTISTE IN COLLEZIONISMO", è nata dal desiderio di contribuire fattivamente a far diffondere le opere di tante valide artiste, che proprio in quanto donne, sono penalizzate dal mercato dell'arte.” Franceschi.
 
  

 
"La Bauta" - maschera Veneziana - 2012

mista su tela - cm 100x100

Centinaia le mostre tra collettive e personali in tutta Italia e all’estero, numerosi i riconoscimenti ottenuti in concorsi: coppe, medaglie e attestati di merito. 
Le opere di Franceschi  fanno parte di collezioni private e pubbliche, alcuni lavori si trovano presso il museo Mail Ari dì Pergola (PS).
Franceschi oltre alla pittura, si dedica alle decorazioni su vetro e trompe l'oeil.
Nel 1989 ha presentato un manifesto ideando una teoria sperimentale: la "FECONDART".
Oltre alle numerose mostre personali e collettive, Franceschi si occupata di teatro, realizzando come scenografa le opere di musica contemporanea in numerosi lavori, ha ideato bozzetti e realizzato numerose scenografie.
Franceschi colleziona opere prevalentemente di artiste, dando inizio nel 1994 al “Collezionismo delle artiste” con l'obiettivo di raggiungere la pari opportunità di riconoscimento tra artista-donna e artista-uomo.
 
 
"Maschera tra stelle filanti" - 2010

mista su tela - cm 100x100 

______________________________________________________________________________________
 
Teoria sperimentale "FECONDART"
realizzata dall'artista
FRANCESCHI

“Fecondart: già il titolo contiene la motivazione, Arte-feconda, ed è, proprio questa la caratteristica che distingue questa teoria. Dallo studio fatto sui movimenti artistici, ritengo che, mantenendo il soggetto primario, che ogni artista conserva nella sua logica inferiore, le variazioni sul tema del soggetto stesso, possano essere elaborate nelle diverse concezioni dei movimenti artistici elencati, come è dimostrato dal manifesto.
Nella convergenza di stili, i mezzi pittorici disposti in relazione alle forme, nella loro disposizione devono dare un sobrio equilibrio.
La composizione del quadro, quindi, conterrà il suo aspetto espressivo nella forma e nel colore. Deve risultare un'opera armonica. Avviene così che un artista in una mostra personale, sempre nella salvaguardia del soggetto, riesce a dare l'impressione di più artisti, perché accumulando i vari "ismi" si hanno effetti diversi. Così ogni opera ha sfaccettature diverse estrapolate dai vari movimenti.
Voglio spiegare che questa teoria non è nata a caso, ma da attente osservazioni, da studi ed esperimenti di un lungo periodo di lavoro di parecchi anni.
L'esiguità di questa presentazione spero sia compensata più pittoricamente che letterariamente.
Mi rendo conto però di questo mio lavoro solitario, ma i tempi di una solidarietà artistica non esistono. Le esperienze, negative fatte in tentativi di socializzare nelle idee e nei confronti sono fallite, non è fallito però il mio desiderio di sapere, capire, crescere, inventare cercando un perfezionismo che non esiste perché le esigenze personali non hanno confini.
I seguenti principi del manifesto:

1) Nelle opere deve risultare una costante.
2) Un'opera può essere definita come appartenente alla Fecondart se in essa sono contemplati almeno tre movimenti artistici.
3) Definisco qui che il formato sia quadrato, (io nel formato quadrato trovo l'equilibrio).
4) In ogni opera si possono ripetere gli stessi "Ismi".
5) Se in ogni quadro sono realizzati più "ismi", e diversi, le opere saranno maggiormente valorizzate.
6) Nelle opere della Fecondart non si potrà parlare di licenze.
7) Valori di disponibilità ed autonomia eclettica.
8) Passaggi emozionali di sensazioni tra un movimento e l'altro, proponendo effetti istintivi con una intuitiva tavolozza dovuta alla necessità di imitazione e sperimentazione.
9) Ai giorni nostri risultano sempre più frequenti questi sintomi traspositivi di effetti collaterali ai movimenti.
 
Era latente da molto il momento di teorizzarli.
Concludo infine con un rilievo storico e contemporaneo riguardante l'aspetto politico nell'Arte. Non di poco conto è stato l'appoggio politico e religioso nell'Arte, mancando tuttavia un riconoscimento dell'Arte femminile sotto l'aspetto del mercato e del collezionismo.”
Franceschi


"Maschere tra i colori del carnevale" - 2010

mista su tela - cm 100x100

 
__________________________________________________________________________________
 
Premessa dell’artista Franceschi prima di divulgare e realizzare la
“FECONDART” una teoria sperimentale.
 
"Non vorrei essere tacciata di presunzione, ma credo di poter esprimere, con trepidazione e senza dubbi, la formazione di una teoria sperimentale.
La motivazione per poter sostenere questa nuova teoria, di cui mi faccio promotrice, deriva da un'analisi della pittura contemporanea, dall'impressionismo ad oggi. Il fermento che anima ogni mutamento artistico è dovuto in massima parte all'esigenza (liberatoria), degli artisti di uscire dalla convenzione.
La capacità conoscitiva autonoma va oltre gli schemi creando nella rivoluzione artistica un rinnovamento che pariteticamente si afferma anche nella letteratura, nella filosofia, nella musica, nella sociologia ecc., ed è anche sinonimo di cambiamento della vita e della società.
Nella fase che precede il periodo impressionista, circa verso la metà del XIX secolo, si riscontrano in Francia, enormi difficoltà da parte degli artisti di esprimersi in modi nuovi, e solo attorno al 1860 si costituisce il primo, gruppo impressionista con Fissano, Cézanne e Guillaumin. Nel 1963 si aggiungono al movimento Monet, Renoir, Sisley e Bazille.
Finalmente la rivoluzione artistica esplode uscendo così dagli schemi accademici, cogliendo luci, forme, colori, movimenti, come impressioni, nel momento stesso che vibrano agli occhi di questi artisti, eliminando il disegno, creando una fusione di segni, spazio, movimento e colore.
Manet è un attivo innovatore di queste tendenze, anche se la critica ufficiale, era negativa nei suoi confronti.
La critica ufficiale, comunque, comincia ad essere più ragionevole nei confronti di questi gruppi. Dopo il periodo bellico del 1870/71, gli impressionisti nel 1874 riprendono a presentarsi in pubblico, vi sono altre mostre, nel 1876, 1877, 1879, 1880, 1881, 1882, 1886, che li fanno passare così alla Storia dell'Arte Moderna con la massima coesione del movimento e l'inizio di un ampio interesse nel pubblico.
Si può dire che non c'è stata una scuola per impressionisti, perché il movimento è sorto spontaneamente, tra gli artisti del tempo dal desiderio di lavorare in libertà. Esso è stato anche un fenomeno Europeo.
Queste premesse sull'impressionismo, molto importante nel campo artistico, hanno dato il via ad innumerevoli altri movimenti artistici che si sono susseguiti l'uno all'altro con concetti, criteri e valori ben precisi. Ho cercato qui di elencarne un buon numero.
Quindi dopo l'evento dell'impressionismo abbiamo il post-impressionismo, l'art nouveau, l'espressionismo, fauvismo, cubismo, astrattismo, espressionismo astratto, divisionismo, puntinismo, neoplasticismo, futurismo, costruttivismo, orfismo, nuova oggettività, aeropittura, surrealismo, assemblale, chiarismo, razionalismo, suprematismo, vorticismo, tachismo, informale, pop-art, op-art, video-art, naif, art concreta, spazialismo, art brut, arte cinetica, neorealismo, arte povera, arte concettuale, dadaismo, new-dada, metafisica, body-art, realismo iperrealismo e altri.
Franceschi
 
 
"Maschere scivolanti" - 2007
mista su tela - cm 70x70 
 
 Senza titolo - 2009

mista su tela - cm 100x100


"Le otto Chiese di Albignasego" - 2005

mista su tela - cm 100x100


Senza titolo (Arte Sacra) - 1986

mista su tela - cm 50x50
 

Archivio Arte Italiana Vernissage - Pittori Emergenti - PI: 02898650136 Mostre Artisti Italiani | Creative Studio