Archivio dell'Arte Italiana

  • La mano della Primavera

  • Nel vento

  • Tuareg

  • L’abbraccio

  • Papavero rosa

Ricerca Artista per Cognome

Ricerca per Sezione
Ricerca per Regione
Ricerca per Categoria


Cerca artista: imposta uno o più parametri e fai click su
Artisti dalla A alla Z
News e Mostre dell'Arte Italiana
  • Mostra personale di Danilo Giacobbe (presto catalogato nel nostro Archivio) "L'Arte del fiammifero" inaugurazione venerdì 7 luglio 2017 ore 21.00 Villa Centanini, Stanghella (Padova).

  • Mostra personale di Roberto Testa, "Donne" inaugurazione sabato 10 giugno 2017 ore 18.00 presso Ottica Pontiggia, P.zza Vittorio Veneto 14, Erba (Como).

  • Alessandro Tognin è invitato ad esporre le sue opere all'Esposizione di Arte Moderna e Contemporanea Art Laren 09-11 giugno 2017 . attraverso una rinomata e ben nota Galleria di Madrid. La mostra è a Laren (città nel nord dell'Olanda) Art Laren festeggia la sua 22a Edizione nel Parco Centrale di Brink. è una fiera d'arte consolidata con più 30 Gallerie Internazionali che partecipano quest'anno.

  • La pittrice Caterina Loia presente ad Arte Salerno 2017 Premio Internazionale Arte Contemporanea inaugurazione 04 giugno 2017 Stazione Marittima, Palazzo Fruscione, Santa Sofia Direttore Artistico Vittorio Sgarbi, 04-11 giugno 2017 - Salerno.

  • L'artista Mariarita Valussi partecipa alla mostra d'arte contemporanea "Universi invisibili" con l'opera "Adolescente" 24 giugno-04 luglio 2017, Galleria La Pigna Ucai Roma, Palazzo Pontificio Maffe Merescotti, via della Pigna 13a, Roma.


Tutte le novità sul mondo dell'Arte
Sedi Espositive dell'Arte

Pittrice Poetessa Scrittrice | Prevedello Maria Carla

Prevedello Maria Carla nasce a Crespano del Grappa (Treviso) nel 1955 opera in Veneto nella specifica di Corrente figurativa .

Per Informazioni: prevede.mc@tin.it

Le opere di Prevedello Maria Carla

La mano della Primavera di Prevedello Maria Carla
Nel vento di Prevedello Maria Carla
Tuareg di Prevedello Maria Carla
L’abbraccio di Prevedello Maria Carla
Papavero rosa di Prevedello Maria Carla
Biografia
|
Critiche
|
Mostre
|
Informazioni
Maria Carla Prevedello nasce a Crespano del Grappa (Treviso) dove vive e lavora. Pittrice figurativa, poetessa.
Laureata in Filosofia, si dedica alla pittura fin dall’adolescenza avendo ereditato questa creatività artistica dal nonno materno. Maria Carla Prevedello, citata da Vittorio Sgarbi come: “Colei che vede il cielo nell’oro”, sviluppa un suo personale lavoro di ricerca artistica basato sull’armonia cromatica, sulla morbidezza del tratto che le permettono di esplorare tematiche significative ricche di messaggi sublimi e di messaggi filosofici. 
Maria Carla Prevedello espone le sue opere in gallerie e musei in diversi stati Europei ed anche negli Stati Uniti e in Australia. Nel 2012 partecipa alla 54^ Esposizione Internazionale d’Arte della Biennale di Venezia, Padiglione Italia. 
Nell’anno 2013 si aggiudica il primo posto al: “Golden Brush Award 2013” in Sharjha-Dubai, Emirati Arabi con l'opera "Dialoghi silenziosi", inoltre è selezionata tra i 20 migliori artisti italiani per partecipare all’Esposizione Internazionale negli Emirati Arabi: “Italian Festival Week-Artisti in Viaggio” tenutasi sempre nell’anno 2013.

Guarda il video delle opere di Maria Carla Prevedello 

 
L’esperienza teatrale rappresenta una significativa rivoluzione artistica per Maria Carla Prevedello che trasferisce in pittura alcune tematiche dello spettacolo sviluppando un'arte psichica; l'artista così si esprime:
"... Ogni dipinto psichico è un Campo Magnetico che proietta nella bellezza vibrazioni alla Coscienza del fruitore di tale Arte, il quale ha la possibilità di liberarsi dalle ombre oscure della negatività e di percepire la positività delle proprie capacità creative. 
La bellezza dell'Arte Psichica stimola la coscienza ad evolvere."
 Maria Carla Prevedello.

"Preghiera - Il dolore nasce da ciò che non si conosce" - 2010 - collezione privata

olio su tavola e oro zecchino - cm 60x26,5

PRESENTAZIONE DELL'ARTISTA: "Quando ero bambina, disegnavo e dipingevo animali, soprattutto quelli acquatici. Così a 14 anni nacque la mia prima esposizione dal titolo: "Il diluvio universale"
Con la lettura de "Il cavaliere azzurro" mi innamorai di Kandinskij così la mia pittura divenne informale e gradualmente astratta. Negli anni ottanta avevo raggiunto il livello espressivo che desideravo. ... La mia anima aprì una nuova finestra incontrando la pittura psichica. ....
Più la mia pittura diventava conosciuta, maggiore era il desiderio in me di comunicare qualcosa di più profondo. Era il desiderio di donare a chi credeva in me un messaggio evolutivo, che avesse il profumo del sacro. Così nel 1989 passai dalla pennellata ai pennelli numero 003,
quando iniziai gli studi di iconografia bizantina nei monasteri, ....,  l'oro, simbolo della totalità della com-passione, quindi del sacro dell'immortalità, entra nelle mie opere per sempre. Un desiderio immenso di comunicare il più possibile mi ha avvicinato al figurativo in modo intenso. Ora c'è una nuova ricerca nella mia pittura: ogni dipinto presenta un concetto filosofico che invita a riflettere."
Maria Carla Prevedello

"Il venditore di sogni" - 2006 - collezione privata

olio su tavola e oro zecchino - cm 71x51
"Illusione diviene illusione se cerchi illusione. ... Verità diviene verità se cerchi verità."
Maria Carla Prevedello.

Maria Carla Prevedello intorno alla fine degli anni Ottanta si avvicina all’arte informale raggiungendo massimi livelli espressivi; pubblica testi di ricerca artistica, architettura e poesia. 
L’artista frequenta diversi corsi, segnaliamo: la terapia attraverso il colore – il corso di pittura psichica – il corso di anima della forma con il prof. B. Bedi a Milano – frequenta le lezioni tenutesi dal professor G. Soccol, ordinario di scenografia presso l’Accademia delle Belle Arti di Venezia – approfondisce la tecnica del disegno presso l’Istituto Internazionale per la grafica.
Gli anni Novanta sono caratterizzati da numerose esperienze formative sulle tecniche di pittura su legno. Maria Carla Prevedello frequenta corsi internazionali di iconografia tenuti dal professor Giovanni Mazzalira e i corsi pittorici di maestri russi dell’Accademia Teologica di San Pietroburgo.  
Tra gli anni Ottanta e Novanta frequenta i corsi di drammatizzazione e teatro presso il centro di Filosofia Acquariana di Milano, collabora a diverse iniziative sviluppate dal Teatro Sofocle Acquariano (fondato su indicazione del filosofo B. Bedi) di Marilisa Marchiorello. 
Negli stessi anni affianca scenografi e registi di fama internazionale come: Olmi e Fellini. Entra in “Ipotesi Cinema” dove segue gli insegnamenti del regista Ermanno Olmi nell’uso della moviola, nella stesura di sceneggiature, nella scelta degli attori e nei progetti di cortometraggi per la RAI. In questa atmosfera assiste alla realizzazione dei capolavori di Olmi come: “Lunga vita alla signora” (Leone d’Argento al Festival di Venezia, 1965) e “La leggenda del Santo bevitore” (Leone d’oro al Festival di Venezia 1988). La sensibilità artistica di Olmi ha influito profondamente nella pittura dell’artista. L’incontro con Federico Fellini è stato determinante per la ricerca delle forme e del cromatismo artistico della Prevedello che sviluppa la propria originalità. Con il gesuita Angelo Arpa, Padre spirituale di Fellini, traduce le tematiche di questo grande regista in studi e conferenze. 
Dopo aver frequentato nel 1999 il corso “Il progetto architettonico e artistico al servizio della liturgia” organizzato in collaborazione con la Scuola del Beato Angelico e l’Accademia di Brera, nell’anno 2000 ottiene la specializzazione in arte sacra dalla CEI e dall’Arcidiocesi di Trento. Il lavoro si conclude con l’accettazione di un progetto di Maria Carla Prevedello riguardante il restauro della Chiesa di San Giuseppe a Trento, attraverso la realizzazione di bassorilievi raffiguranti la storia della salvezza. 
___________________________________________________________________________________

LA POESIA DI MARIA CARLA PREVEDELLO
 
Una pittura luminosa ricca di colori che esprime sensibilità ed una profonda ricchezza interiore, una pittura che esprime l’amore per il mondo e per la vita, un amore che ritroviamo nelle poesie scritte dall’artista Prevedello, nei testi poetici che diventano dei cantici emotivi dove si concretizzano sembianze visive. Le parole scorrono sui fogli con semplicità e logica diretta determinando un linguaggio rigoroso che persegue uno studio approfondito tra le espressioni linguistiche e la descrizione di una sensazione o di un’azione precisa.
Maria Carla Prevedello utilizza figure retoriche per far pervenire al lettore riflessione e trasporto emotivo di una spiritualità che travolge il razionale. Una scrittura interiore e nello stesso tempo devota a visioni che aprono  nuovi orizzonti.
Maria Carla Prevedello ricerca ed approfondisce il legame tra noi stessi e l’esistenza trovando la vera essenza della natura umana. Le parole esprimono sensibilità ed una profonda riflessione sui pensieri interiori e sulle azioni quotidiane.  
Prevedello nella sua scrittura accosta pensiero e realtà, immaginazione e sensazioni reali conferendo all’essere umano la capacità totale di conoscere la propria percezione. Una scrittura che segue ritmo ed una precisa metrica, l’artista colora i suoi versi poetici attraverso metafore che diventano musica rilassante, piacevole e nello stesso tempo descrittiva. Maria Carla Prevedello regala al lettore la bellezza del vivere che deve essere esaltata e nello stesso tempo vissuta.
Archivio Monografico dell'Arte Italiana
  
Principali pubblicazioni letterarie e libri di poesie:
A 25 anni presenta il suo primo libro: “Alla ricerca del Sacro Graal”, un testo teatrale in poesia.
Nel 1990 pubblica il libro di poesie: “Il sorriso dell’universo” Edizioni Piemme, ricevendo il primo premio con Medaglia d’Oro dall’Accademia d’Arte Moderna di Roma.
Nel 2012 pubblica il libro "I colori della Gioia - Maria Carla Prevedello" presso Fotlito73, con il patrocinio dell'Istituto di Pedagogia Acquariana - Cittadella (Padova).


Il libro "I colori della Gioia - Maria Carla Prevedello" è così composto:
Capitolo 1° - presentazione dell'artista.
Capitolo 2° - Baba Bedi XVI e l'arte Psichica.
Capitolo 3° - Il Viola.
Capitolo 4° - Dall'Indaco al Blu.
Captolo 5° - L'Azzurro.
Capitolo 6° - Il Verde.
Capitolo 7° - Il Giallo.
Capitolo 8° L'Arancio.
Capitolo 9° Il Rosso.
Capitolo 10° - Il Bianco.
Postfazione di Marilisa Marchiorello: " ... Per Maria Carla crescere nella originalità della sua individualità esige la realizzazione dei suoi talenti: vivendoli. ... Procedendo nella Serenità ogni scelta Etica si pone con naturalezza esatta e raffinata. Evolve, così, dalle più profonde rdici ai vertici stellari. Nell'intensità è vissuto ogni istante con dedizione d'entusiasmo. ..." Marilisa Marchiorello.

Alcune poesie e pensieri pubblicati nel libro:
" ... Ogni forma d'Arte, dalla pittura al cinema, dalla pubblicità alla televisione, dovrebbe sentire il Colore in tutte le sue qualità e ogni vitalità reale vivente in Natura. ..." Capitolo 1° - 
Maria Carla Prevedello.

"Baba Bedi XVI ha dedicato la sua vita alla elaborazione della Filosofia Acquariana da cui discende - viva e originale - ogni forma espressiva: potente strumento di evoluzione personale. ...
 Capitolo 2° -Maria Carla Prevedello.

"Ti regalo un velo Viola
per volare sopra le stelle
là dove la tua anima
attende di incontrarti
per dare un significato nuovo
ai tuoi desideri
lassù dove il vento
dolcemente sfoglia
i pensieri di Dio
per te."

Capitolo 3° - Maria Carla Prevedello.

"Nel profondo notturno
impalpabile Indaco
segui i giri
della Luna.
Non sei più Viola,
ma porti con te
l'INTENSITA'
che devi esprimere.
Sei ancora Indaco,
ma le tue urgentze
sconfinano
in sintonia con il cielo
nel BLU.
A volte
il sentiero del Viola
incontra l'Indaco.
Allora è più intenso
il desiderio di esprimere
ogni urgenza.
Libera 
il tuo sentire.
Teneramente
rigeneri
anche le energie.
"
Capitolo 4° - Maria Carla Prevedello.

"Nell'aria pura
Dio respira
e l'Azzurro
profuma di pace.
Ti indica
il paesaggio
in armonia con te.
La Sensibilità Psichica
ti conduce
nello Sguardo infinito.
"
Capitolo 5° - Maria Carla Prevedello.

"Ali trasparenti
di Verde luce angelica
spalancate la mia anima
nella serenità
di una crescita armoniosa.
"
Carpitolo 6° - Maria Carla Prevedello.

"Nella luce del Sole,
il Giallo saetta,
rradia la tua mente.
In un bagliore
ti apre aall'intuizione
per distinguere,
scegliere
il Giusto
per te.
"
Capitolo 7° - Maria Carla Prevedello.

"Volteggiare
sulla corolla
di una rosa
Arancione
è divertente.
Vestirsi
del suo profumo
inebria
di energia.
La verità
però,
va cercata!
Solamente
scendendo
nel profondo
trovi l'essenza.
"
Capitolo 8° - Maria Cara Prevedello.

"Al Rosso
con-corre
ogni tonalità
di Colore.
Al Rosso col-lega
ogni tua azione
per imprimere
l'intensità necessaria
e vincere
ogni resistenza.
Ardere
e accendere
l'entusiasmo
nel tuo cammino.
"
Capitolo 9° - Maria Carla Prevedello.

"Vivere
intensamente
in ogni Colore.
Ascoltare
le vibrazioni
delle sfumature.
Vestirsi
di velature.
Infine
gioire
nel Bianco
di Luce.
"
Capitolo 10° - Maria Carla Prevedello.


Archivio Arte Italiana Vernissage - Pittori Emergenti - PI: 02898650136 Mostre Artisti Italiani | Creative Studio