Archivio dell'Arte Italiana
Archivio dell'Arte Italiana

  • Mezzomo L.

  • Coral Roberta

  • Graziani Bruno

  • Germiniasi G.

  • Mascìa Giorgio

  • Usai Antonio

  • Crestani Claudia

  • Arnaboldi Andrea

  • Melugi ( Luciano Meraviglia )

  • Angelo .

  • Simili Ermes

  • Genova Mauro

  • Crestani Claudia

  • Negri Nerino

  • Napolitano Annamaria

  • Rossi Leonardo

  • Zacchi Francesco

  • Agostini Vittorio

  • La K Rama Violetta

  • Barbierato Guido In Arte Gidbo

  • Ortica Elena

  • Giromel Sergio

  • Moretto Tiziana

  • Vanzan Giada

  • Boglia M.

  • Gandini Sergio

  • Carroli Mirta

  • CRisalidi (Rossetti Claudia)

  • Gallo Claudio

  • Ansaloni L.
Artisti dalla A alla Z
Artisti per Categoria
News e Mostre dell'Arte Italiana
  • Giorgio Mascìa è grande ritrattista, un vero maestro nel donare, ricercare ed affrontare espressività complesse ai suoi personaggi. Le opere presentano un'espressività disarmante, l'artista Mascìa realizza un'arte pittorica di grande fascino e del tutto contemporanea.

  • L’arte pittorica è la grande passione di Guido Oggioni che pratica attraverso la continua sperimentazione di materiali e mediante uno studio accurato sulla colorazione, sviluppando tonalità ed effetti luminosi di notevole caratura artistica.

  • Cusin crea un rapporto profondo tra pittura e umanità, è verista e descrittivo. La sua attività artistica è passata per varie tappe e anche per diverse tecniche pittoriche.

  • L’artista persegue il genere figurativo naïf, una corrente che nasce da una spontanea e creatività popolare ma che nelle opere di Bianchini raggiunge un valore estetico raffinato ed un descrittivismo che si concentra su determinati particolari.

  • BUDAPEST - PRIMA BIENNALE - 2020 L'opera "Pesciolino d'oro" e il fantarealismo dell'artista CRisalidi premiati a Budapest. La pittrice trevigiana premiata alla prima Biennale d'arte italiana in corso a Budapest con l'opera "Pesciolino d'oro", nell'anno 2020 sarà esposta a New York per una nuova esposizione internazionale.


Tutte le novità sul mondo dell'Arte

Pittrice | Leghissa Daniela

Leghissa Daniela opera in Emilia-Romagna nella specifica di Corrente figurativa Corrente astratta .

Per Informazioni: daleghis@tin.it
Stampa: Genera PDF per la stampa

Le opere di Leghissa Daniela

L'ho fatto strano! di Leghissa Daniela
Planetarium dinamico di Leghissa Daniela
Ricomposizione 3° di Leghissa Daniela
Pioggia fitta di Leghissa Daniela
Pioggia di Leghissa Daniela
Danza nuziale di Leghissa Daniela
Biografia
|
Critiche
|
Mostre
|
Informazioni
Daniela Leghissa è nata a Bologna, dove vive e lavora. Ha frequentato il Liceo classico e si è laureata in Lingue e Letterature Straniere Moderne presso la facoltà di Lettere e Filosofia della sua città. Dopo la laurea, ha tenuto per tre anni un corso di analisi linguistica di testi gotici (con paragoni e confronti tra le varie lingue indoeuropee che hanno subìto la prima e la seconda rotazione consonantica) per gli studenti di Filologia Germanica presso l’Istituto di Glottologia, Lettere e Filosofia.
Ha iniziato a dipingere e, secondo i critici, gli studi “germanici” si riflettono moltissimo nei suoi lavori. Alcuni infatti parlano di “espressionismo astratto”.
La pittura è sempre stata una passione di famiglia (la nonna e gli zii paterni la praticavano per hobby); il padre Silvano invece, professore universitario e direttore dell’Istituto di Anatomia Comparata, era molto dotato nel disegno; tenne per vari anni anche il corso di disegno anatomico dell’Istituto Rizzoli di Bologna; autore di numerosi testi universitari, tutti illustrati personalmente da lui con disegni originali.
Daniela Leghissa ha dapprima dipinto abiti, poi vasi ed altri oggetti di vetro o ceramica. Con i vasi ha partecipato ad alcune mostre di pittura intitolate “Il fiore nell’arte” organizzate da Francesca Donati, titolare della galleria D’Azeglio, e riservate alle mogli di medici. E’ stata proprio Francesca a spingere Daniela ad iscriversi alla Accademia di Belle Arti di Bologna, dove ha frequentato il Corso di Nudo con il prof. Dante Mazza.
I primi lavori, pastelli con tecnica a tratteggio, rappresentano appunto nudi, sempre più ingranditi e con sempre maggiore attenzione per il particolare; successivamente l’interesse si è spostato verso oggetti abbandonati, conchiglie, foglie secche, fiori, frutta, semi, galassie, temi biologici come fecondazione e DNA, paesaggi e vedute di Venezia, temi sacri e di attualità. L'oggetto o dei soggetti che l'artista sceglie … cercando di rappresentare attraverso un oggetto un’emozione provata. 
L’attività espositiva inizia nel 1990 su interessamento e stimolo della pittrice NORMA MASCELLANI e dello scultore RAIMONDO RIMONDI, entrambi bolognesi. 
Un percorso artistico costellato di riconoscimenti ottenuti nelle diverse esposizioni a cui l’artista ha partecipato in Italia e all’estero, apprezzamenti ottenuti attraverso le diversificate ricerche e gli studi effettuati da Daniela Leghissa che le hanno permesso di evolvere non solo il suo tratto pittorico-estetico e compositivo, ma anche di perfezionarsi sulla scelta dei soggetti, metafore di nuove e continue emozioni. Daniela Leghissa dona spazio alle emozioni che derivano da luoghi ed oggetti, utilizza una forma esistente per personificare un’azione, un evento o una sensazione. Partendo dalla natura e da tutto ciò che la circonda, l’artista realizza, mediante creatività ed immaginazione, una sfera affettiva che abbraccia l’universo come parte inseparabile della stessa pulsione vitale. Dalla sua pittura nascono oggetti danzanti che si muovono con singolare dinamica, realizzati da una colorazione soffusa di poche ed intense tonalità suggestive. 





"Rialto" - 1996

olio su tela - cm 100x70





Guarda il video delle opere di Daniela Leghissa su youtube.






Archivio Arte Italiana Vernissage - Pittori Emergenti - PI: 02898650136 - Privacy policy & cookie law | Creative Studio