Archivio dell'Arte Italiana
Archivio dell'Arte Italiana

  • Bonezzi Sonia

  • Girò .

  • Lupo Tina

  • Repina Natalia

  • Terragna Daniela

  • Buzzaccarini Mariaberica

  • Riciputi Luciano

  • Giombetti Gabriele

  • Petra .

  • Prezioso Einwaller Daniela

  • Di Lascio Carla

  • Casagrande Laura

  • Manzato Wally

  • Boscolo Oscar

  • Riccucci Riccardo

  • Giuriati Mariateresa

  • Capocasa Martina

  • Franzini Adelmo

  • Oggioni Guido

  • Giuriati Mariateresa

  • Missio Isabella

  • Bertucci Maria Cristina

  • Gabriovic .

  • Finco Alberto

  • Mariani Eros

  • Scara .

  • Giombetti Gabriele

  • Keki .

  • Uliano Guizzardi

  • Paderno Francesca
Artisti dalla A alla Z
Artisti per Categoria
News e Mostre dell'Arte Italiana
  • L’autoritratto della gelosia malinconica. Frida Kahlo batte il marito Diego Rivera, sfiorando i 35 milioni di dollari.

  • L'artista Keki è presente con le sue opere alla Fiera di Padova "ARTEPADOVA" 12/15 novembre 2021.

  • LAND ART - FORMA D'ARTE CONTEMPORANEA DI FRANCESCO BONDIOLI. Rocchetta di Guiglia (MO) l'artista Francesco Bondioli ha realizzato nel mese di ottobre 2021 su di un campo solitamente adibito al taglio dell'erba per bovini, un'opera usando il decespugliatore ed il tosaerba creando tutte le figure.

  • MILANO - Mostra D'Arte Internazionale presente con una sua opera l'artista Roby. Curatori della mostra: Prof. Alfonso Restivo - critico d'arte Giorgio Grasso. Inaugurazione sabato 4 dicembre 2021 alle ore 18:00-22:00.

  • L'artista Maurizio Setti presenta le sue opere.


Tutte le novità sul mondo dell'Arte

Pittore Scultore | Annibali Paolo

Annibali Paolo opera in Marche nella specifica di Corrente figurativa .

Per Informazioni: paolo.annibali@gmail.com
Stampa: Genera PDF per la stampa

Le opere di Annibali Paolo

Fine stagione di Annibali Paolo
Cieli distanti di Annibali Paolo
La fine delle cose di Annibali Paolo
Sibilla di Annibali Paolo
Chi? Iu! di Annibali Paolo
Et omnia vanitas di Annibali Paolo
Custodire macerie di Annibali Paolo
Ragazzo e canneto di Annibali Paolo
Gente che passa di Annibali Paolo
(senza titolo)    di Annibali Paolo
Hypnos di Annibali Paolo
Presto! di Annibali Paolo
C. che guarda il mare di Annibali Paolo
Biografia
|
Critiche
|
Mostre
|
Informazioni
Paolo Annibali nasce a San Benedetto del Tronto (AP) dove vive e lavora, è docente di Storia dell’Arte presso il Liceo Scientifico di San Benedetto del Tronto. Molto apprezzato dai suoi studenti che lo seguono ad ogni sua mostra e hanno creato una pagina facebook dedicata alle migliori battute del professore (“Le perle di Paolo Annibali”).
Nel 1983, ad Ascoli Piceno, organizza la prima mostra personale.

Artista pluripremiato, scultore e disegnatore dal tratto inconfondibile

Oggi il mio lavoro è per me come un legno in cui un naufrago riesce ad aggrapparsi. L’arte è la mia preghiera quotidiana, un affannoso dialogo con me stesso, una continua ricerca nelle piaghe della mia esistenza. … L’arte impone fedeltà. 
I DISEGNI cercano di catturare lo sguardo di un benevolo osservatore, invitandolo alla lentezza, con uno sguardo di un volto che interroga lo spettatore sul senso della sua esistenza, con nature morte che raccontano l’ingiuria del tempo o l’ansia del vivere quotidiano: alberi dimenticati nella sospesa speranza dell’arrivo della primavera. 
Cerco nella SCULTURA una dimensione anacronisticamente solenne. Le mie opere nascono sempre in sordina: all’inizio sono contenute in palmo di mano, per assumere via via la concretezza di forme molto articolate. … Ho cercato di creare una serie di sculture che evocassero l’apparato decorativo di un tempio: le sculture frontonali, le metope, gli acroteri. Sculture senza tempio, senza l’architettura che avrebbe dovuto accoglierle. Si intuisce dalle posture, dalle storiette dei teatrini (più che metope sembrano presepi), un racconto senza né miti, né eroi, in cui la mancanza del luogo, nell’incertezza dei gesti e nell’inutilità degli sguardi, diventa assenza di un possibile destino. L’uso della terracotta più che la scultura greca, ricorda la fragilità di quella etrusca, dove la vulnerabilità dell’esistenza era regolata da un senso oscuro della fortuna. …

Paolo Annibali - https://www.paoloannibali.it/



         


INTRODUZIONE ALL’ARTE SCULTOREA E PITTORICA DI PAOLO ANNIBALI


Ispirato dai maestri contemporanei così come dall’arte etrusca, dall’iconografia del passato, ma anche da altri movimenti artistici, Paolo Annibali elabora in maniera autonoma un suo percorso creativo ed elegante in cui si fondono rievocazioni artistiche diverse incontrando uno stile unico ed originale; le sue opere si materializzano identiche ai soggetti originali se pur contornati da un simbolismo caratteristico che unisce realtà, mitologia ed immaginazione.
Una ricerca poetica che continua da molti anni portando oggi il suo lavoro d'artista verso una figurazione che narra storie quotidiane dove i suoi personaggi solitari raccontano la fugacità dell'esistenza. Attraverso la realizzazione scultorea di figure di angeli, santi, madonne, l'artista Annibali  racconta, da laico, l'arte sacra e i passaggi del cristianesimo. 
La sua tematica principale è il figurativo, la natura e l’essere umano espressi nel loro grande fascino in una descrizione minuziosa.
Le sue sculture sono ricche di una carica espressiva: effetto di una lavorazione attenta e precisa in ogni singolo dettaglio. 
Il materiale scelto dall’artista, sia in scultura che in pittura, risulta essere l’elemento perfetto per donare ritmo, dinamicità, pensiero, emozione e comunicazione; in ogni sua opera i colori vivaci, l’opacità della materia, le luci e le ombre della matita si fondono creando un continuo collegamento tra il cielo e la terra generando un dialogo interiore. Silenzio, spensieratezza, malinconia ma anche spiritualità e fede convivono nella lettura delle sue opere. 



- Guarda il video delle opere dell’artista Paolo Annibali pubblicato su youtube.
 

 
- Video pubblicato su yotutube da Il Mascalzone "Paolo Annibali e il mare" - anno 2021.

 

INTERVISTA
"A TU PER TU CON PAOLO ANNIBALI,
SCULTORE E DOCENTE DI STORIA DELL’ARTE"


-
Professore, da quanti anni svolge la sua attività di scultore e come è iniziata la sua attività?
Sin da bambino divoravo album da disegno, avevo sempre le mani sporche di plastilina, ma questa voracità si è spenta con gli anni delle elementari, la scuola di allora non teneva in nessuna considerazione queste doti. Il desiderio dell’arte è riapparso con la fine delle medie, quando incontrai degli insegnanti che davano grande importanza ai rapporti umani. Provo nei loro confronti una grande riconoscenza, non solo per le scelte artistiche future, ma, diventato insegnante, ho cercato in qualche modo di imitarli, usandoli come modelli.
Debbo a loro che intrapresi gli studi con il liceo artistico e poi l’accademia. Certo, non è così scontato tradurre un talento in mestiere, è molto facile perdersi, l’arte è il mondo dell’incertezza, dell’approssimazione. Ancora non dimentico l’espressione dei miei genitori, quando comunicai che volevo fare l’artista, anzi lo scultore, lessi nei loro occhi la disperazione di chi immagina, non senza cognizione, il proprio figlio proiettato verso una vita di stenti.
In effetti il mestiere dell’arte è un percorso in eterna salita, nella quale devi credere senza esitazioni in te stesso e in quello che fai. Quando sei giovane il mestiere è un continuo inizio, in quanto i riscontri, soprattutto economici, sono pesantemente modesti, e solo quella fede ti può salvare.
Tra i tanti inizi, quello che più ha segnato la mia strada, è quello del 1981, quando giovane promessa appena uscito dall’accademia, mi colse l’artrite reumatoide, che per un lungo periodo m’impedì qualsiasi attività. L’esperienza del dolore mi offrì la possibilità di esplorare il mio mondo interiore più intensamente. Quando i morsi della malattia si attenuarono, la mia sensibilità si era affinata, il bagaglio emotivo arricchito. Nel 1983 organizzai la mia prima mostra personale in cui la mia ricerca poetica si era avviata verso quelle tematiche che ancora fanno parte della mia opera.

-
A quale corrente artistica appartiene la sua produzione e qual è lo scultore che lei vede come un modello?
Non mi sento di appartenere a nessuna corrente artistica. Oggi l’arte vive un momento di grande complessità e fragilità. Il mio lavoro è orientato verso la figurazione, un mondo direi forse rassicurante e anacronistico, anche se oggi mi sembra più che mai attuale, in quanto molti giovani sembrano esprimere le stesse tensioni.
Non ho mai pensato ad uno scultore come modello, ma a tanti. A tutti quelli che hanno espresso una forte componente morale e civile: Giovanni Pisano, Donatello…. Ma anche pittori come David, Courbet, Mantegna… .

-
Nell’arco della sua carriera si è parecchio dedicato a soggetti sacri. Può ricordare ai nostri lettori quali sono le opere di maggior rilievo che ha prodotto per la committenza ecclesiastica? Ci può dire poi quale opera considera il suo capolavoro?
Tra le opere più significative che ho realizzato, penso ci sia l’ultima, la “Porta degli emigrati” per il Santuario di San Gabriele, forse perché è l’opera della maturità, forse perché è ancora fresco il ricordo della fatica, ma anche l’ambone della cattedrale di Fiesole, la porta della cattedrale di Jesi.
Più che il mio capolavoro, il cui giudizio lascerei ad altri, parlerei dell’opera che amo di più: la “Madonna della Misericordia” per la parrocchia di San Pio X a San Benedetto del Tronto. E’ una scultura che racconta un momento particolarmente difficile della mia esistenza.


- Quale rapporto c’è fra chi commissiona l’opera d’arte e lo scultore? L’artista ha una certa libertà?
Tra artista e committente si istaura una certa complicità, quando il committente ti sceglie per realizzare un’opera, ha in te una grande fiducia. Va un po’ sfatato il luogo comune per cui le opere su committenza siano delle costrizioni per la sensibilità dell’artista.
I temi definiti sono per l’artista, quello che è la rima per il poeta, per non parlare poi di tutta l’arte del passato in cui si operava solo esclusivamente su committenza. Direi anche che la libertà espressiva e la propria personalità si possono affermare anche nei temi più angusti delle opere su committenza. L’importante è la qualità dell’opera.
In che misura secondo lei l’arte contemporanea riesce a descrivere la sensibilità religiosa dell’uomo di oggi?
Il rapporto tra spiritualità e arte contemporanea è complesso e spesso conflittuale. Distinguerei tra un’arte sacra creata appositamente per la liturgia e un’arte che pur lontana nei temi evidenzia la ricerca di senso, l’annuncio, l’intuizione del divino. Nella complessità del contemporaneo molto spesso è più la seconda tipologia di opere che ci avvicinano al sentimento di Dio. E’ sempre la bellezza lo strumento attraverso la quale si può parlare di spiritualità. 

-
Lei oltre ad essere scultore è docente. Come si pongono secondo lei i ragazzi di oggi di fronte al nostro patrimonio artistico e in definitiva rispetto alla bellezza?
Se il mestiere dell’arte è straordinario posso dire, dopo tanti anni di insegnamento, che quello di docente lo è altrettanto. Il mondo della scuola è ancora il mondo della speranza e direi anche della bellezza. Certo lo studio è fatica, chi di noi si alzava la mattina con la gioia nel cuore pensando di andare a scuola? Nonostante che i ragazzi intuiscano che parlando di Masaccio o di una colonna greca, gli racconti le cose più belle che ha creato l’uomo, un conto è assistere una lezione, dove l’insegnante cerca di trasmetterti la sua passione, un conto è poi studiarsela e di nuovo raccontarla.
Ma il tempo dell’adolescenza è un tempo particolare. Nell’età adulta si ripensano tante cose e ci si accorge che molti discorsi sono “passati”, così l’arte è entrata a far parte del patrimonio più profondo di ognuno. Credo che tu ne sia la testimonianza, ebbi un sussulto di gioia, quando, in visita a Santa Maria sopra Minerva a Roma, ti incontrai mentre spiegavi le numerose opere d’arte del luogo ad un gruppo di bambini.”
Nicola Rosetti - 2014



Archivio Arte Italiana Vernissage - Pittori Emergenti - PI: 02898650136 - Privacy policy & cookie law | Creative Studio