Archivio dell'Arte Italiana

  • Notte con la solitudine

  • Il mondo attraverso i Suoi occhi

  • I primi sranno gli ultimi

  • Il nudo della vita

  • Le vie del cielo

  • Mara

Ricerca Artista per Cognome

Ricerca per Sezione
Ricerca per Regione
Ricerca per Categoria


Cerca artista: imposta uno o più parametri e fai click su
Artisti dalla A alla Z
News e Mostre dell'Arte Italiana
  • "DIALOGO" Venezuela - Italia, Sabato 22 ottobre alle ore 18,30 cerimonia di inaugurazione della Rassegna Internazionale d'Arte Contemporanea artigianato e prodotti enogastronomici, per l'occasione saranno esposte per la prima volta alcune tele della recente produzione artistica di Tiziano Marchioni.

  • Biennale d'arte Contemporanea di Salerno: Targa di merito per l'opera realizzata dall'artista Rosanna Anelli dal titolo: "Identità inafferrabile. Nascondo lo sguardo per cercare quello che non vedo"

  • L'artista Michele Nave presente con le sue opere alla mostra d'arte "L'apparenza incanta" 12-19 novembre 2016 Castello di Fiano Romano (Roma), Piazza Matteotti.

  • Il centro accademico Maison d'Art presenta la mostra Art Venice, presso Palazzo Albrizzi, Capello-Canareggio (Venezia), premio nazionale San Marco città di Venezia. 30 settembre-20 novembre 2016.

  • "Cirillo Grott e la Misericordia" straordinaria mostra dell'artista Grott (1937/1990), a 26 anni dalla sua scomparsa, allestita a Folgaria (Trento) presso Maso Spilzi,02 luglio-10 settembre 2016. La medesima mostra verrà poi ri-allestita a Rovereto presso la Fondazione Opera Campana dei Caduti 25 novembre 2016-08 gennaio 2017.


Tutte le novità sul mondo dell'Arte
Sedi Espositive dell'Arte

Poeta Scrittore | Iacuzio Gerardo

Iacuzio Gerardo nasce a Montoro (Avellino) nel 1960 opera in Campania nella specifica di Arte letteraria .

Le opere di Iacuzio Gerardo

Notte con la solitudine di Iacuzio Gerardo
Il mondo attraverso i Suoi occhi di Iacuzio Gerardo
I primi sranno gli ultimi di Iacuzio Gerardo
Il nudo della vita di Iacuzio Gerardo
Le vie del cielo di Iacuzio Gerardo
Mara di Iacuzio Gerardo
Biografia
|
Critiche
|
Mostre
|
Informazioni
Gerardo Iacuzio nasce il 04 gennaio 1960 a Montoro (Avellino) dove attualmente risiede. 
Scrittore e Poeta. Le sue modeste "composizioni letterarie”, come egli stesso le definisce, divengono oggetto di dibattito e di confronto.
La poesia di Gerardo Iacuzio è intrisa di emozioni e fantasia, capovolge la prospettiva tradizionale della scrittura indirizzandola verso una singolare invenzione letteraria che mette in scena l’assurdo di un’umanità che appare crudele e nello stesso tempo amorevole. Una narrazione che porta lo scrittore a vagare per l'universo attraverso una fantasia curiosa che automaticamente precipita nel quotidiano contemporaneo. 
I romanzi, gli scritti di Iacuzio rievocano in maniera commovente periodi di vita vissuti, in cui il protagonista, molto spesso lo stesso Iacuzio, riprende faticosamente a vivere dopo una battaglia continua con la sua solitudine e il suo rapporto con il mondo. Iacuzio parla della sua storia, della storia degli uomini, dei loro fraintendimenti con sé stessi, con Dio e con il mondo. Nei suoi scritti ritroviamo intatte la sensibilità e la drammaticità di eventi quotidiani, l’onestà nel dare speranza ad un mondo creato nella sua essenza vitale, a volte dimenticata e distorta, un’integrità che dona alla 
disperazione  il pari peso che ha nel mondo.
Archivio Monografico dell'Arte Italiana, marzo 2015.

"Il quadro è banale, ma gli occhi che lo guardano disegnano una sensazione felice.
E' stato dipinto in fretta per essere venduto subito, ma la pennellata fissa egualmente sulla tela l'emozione di un momento di idillio.
E' Arte viva che parla."
Gerardo Iacuzio.

_______________________________________________________________________________________
Novembre 2016 - Romanzo di Gerardo Iacuzio "L'isola dei sentimenti" - Edito dal Black Out Cafè, di Montoro (Avellino).
 "Il passo di Tonino giocava sull’erba della cima del monte San Michele, per evitare di calpestare i numerosi fiori selvatici che vivevano soltanto in altitudine. Il giorno della festa del Santo, il ragazzo era stato il primo, appena all’alba, ad aver raggiunto il Santuario solitario. 
   Le stelle si spegnevano lentamente per il chiarore del 29 settembre, privo di foschia, che colorava la chiesetta e poi il suo interno, dopo che un Sacerdote aveva aperto il portone. ..." Continua a leggere.
_______________________________________________________________________________________
Novembre 2016 - Gerardo Iacuzio "La ragazza di Manama" soggetto di Moira Sarno.
- Romanzo edito da SATI sas di Montoro (Avellino).
"Non ho mai pensato che la vita fosse uno scherzo del destino. E non penso che la storia che ho deciso di scrivere sia nata per caso.
Vivevo a Bristol, cittadina ben organizzata a quattro passi da Londra, ambientata e soddisfatta, perchè la società inglese vive di libertà e di rispetto. Qui era possibile vivere, il sabato sera, storie dell’infanzia felice. E il rispetto per la natura offre a chi ha lavorato tutta la settimana il sogno di trovarsi nei migliori posti turistici del mondo. Per questo, la proposta di un amico di trasferirmi a Manama, negli Emirati Arabi, non fu degna di risposta. Lui, in questa città,  in Baharain, aveva trovato lavoro come pizzaiolo. Sono sempre stata un dipendente dai viaggi di avventura, ma questi paesi non sono mai comparsi nei miei progetti. Ho un senso di repulsione verso i problemi di sopravvivenza e la guerra. Conosciamo tutti la loro immagine di popoli oppressi. ..." Continua a leggere.
_______________________________________________________________________________________
Settembre 2016 - "La diffida di Montoro" storia di Gerardo Iacuzio.
"Andreana, amica mia, nessuno sapeva dei miei cinque anni di voti francescani. E’ troppo comodo portarsi in giro con un saio. Torneresti in convento con il paniere pieno di pensioni. Io sono stato un laico. In questo periodo non ho mai avuto un solo peccato da confessare. Però, sono stato lo stesso un poco porcellino. Devo dirlo. Infatti, la religione cattolica anglosassone, che ho scelto, è molto accondiscendente sul voto di castità. Essa considera il bisogno fisiologico incontenibile e, in mancanza di penetrazione, non esiste neppure l’adulterio. ... " Continua a leggere.
_______________________________________________________________________________________
Settembre 2016 - "Ombre sull'acqua" romanzo di Gerardo Iacuzio.
"Lo spazio antistante il bar riparato dal Sole di agosto dall’ombra della chiesa, consisteva in un pezzo di marciapiede capace di ospitare tre sole sedie. E una sola era occupata, ad opera del giovane Serafino che  sfidava il silenzio delle tre del pomeriggio con le note di un flauto dolce. La loro qualità era molto povera, procurata dalla minima esperienza delle rare ore di educazione musicale, ricordo dell’orfanotrofio.
Il concerto privo di pubblico si interrompeva spesso a causa della pausa sigaretta. Il ragazzo, vestito in casual usurato, aveva così lasciato passare il tempo fino all’ora dell’appuntamento con Katia per un gelato. ..." Continua a leggere.
_______________________________________________________________________________________
Settembre 2016 - "A passo di Leopardi" romanzo di Gerardo Iacuzio. L'opera (acrilico su tela) pubblicata in copertina è stata realizzata dall'artista Noemi Ricciardelli.
 "La protagonista di questa storia, di nome Silvia, amava guardare le opere esposte in una galleria senza mai entrarvi. Il proprietario era un ultracinquantenne senza reputazione cattiva, ma dall’aria feroce. Gianni Massa passava le sue giornate nell’enorme monolocale a godersi l’usufrutto senza l’ansia della vendita obbligata. Aveva ereditato dalla moglie una modesta rendita e quell’immobile, in cui aveva costruito la sua passione giovanile, l’arte. Non comprava da mercanti, perché si riforniva delle opere offertagli da artisti che esponevano in mostre anche personali che non li obbligava a oneri in denaro. Se riusciva a vendere, bene. Se non vendeva, svendeva o regalava. Aggiornava così quella che era di fatto la sua collezione esposta al pubblico.
   Il sua interesse era sviato dalla vista di quella splendida ragazza, che gli ricordava la sua giovinezza di studente imbranato. Decise di avvicinarla. Uscì e le disse:
   << Signorina, si spende di più in strada che a guardare i miei modesti quadri. Volete entrare? Magari siete un’artista. >> ..." Continua a leggere
 
_______________________________________________________________________________________
Luglio 2016 - "Anime iridescenti" Romanzo di Gerardo Iacuzio.
L'opera (acrilico su tela) pubblicata in copertina è stata realizzata dall'artista Noemi Ricciardelli
"L’alba di fine maggio isolava la luce dei lampioni, sulla strada provinciale che saliva con dolcezza da Montoro a Solofra. Le foglie dei Castagni gonfie di vita invadevano il cammino del giovane pedone fino a sfiorargli ripetutamente la persona.
   Max percorreva quei tredici chilometri per quattro giorni alla settimana. Il tragitto era comodamente servito da pullman, ma camminare per più di due ore era per lui una vera attività sportiva. 
   La partenza avveniva alle quattro del mattino, dal bilocale popolare che abitava da solo, sulla collinetta della frazione capoluogo. Poco prima delle cinque, ben oltre il terzo chilometro, al bar notturno di Piazza di Pandola, prendeva il primo caffè della giornata e fumava la seconda sigaretta. La prima l’accendeva appena sveglio, per aiutare il trapasso dai sogni alla realtà. ..." Continua a leggere.

________________________________________________________________________________________
Montoro 13 giugno 2016 "LETTERA ALLA CAPITALE DEI PEZZENTI"
 "Sono originario della frazione Piazza di Pandola e chiedo la solidarietà dei miei ex concittadini per ritornarvi.
   Vivere alla frazione Piano mi crea irrisolvibili problemi di ambiente a causa della sottocultura e i gravi problemi sociali.
Comincio con un esempio.
   A Piano mi hanno sparato alle spalle davanti alla folla della Domenica. Ebbene, nessuno ne sa niente… !
    A Piazza è successo due volte davanti a un solo testimone. Ebbene, tutti lo sanno.
Nella nostra frazione, Piazza, il problema della camorra è stato risolto da decenni. Nella capitale dei mendicanti persiste una gara per offrire il caffè a questa gente.
   Inoltre, i ragazzi piazzesi hanno isolato civilmente e legalmente la droga.
  Propongo anche, per questo, di fare della frazione Piazza di Pandola, comune a parte, in quanto i mali sociali di tutta la Valle dell’Irno hanno creato grossi problemi di inquinamento anche a noi.
   Speranzoso, aspetto.
 Gerardo Iacuzio, detto Baldassarre.
 Grazie." Gerardo Iacuzio.
_______________________________________________________________________________________
Giugno 2016 - "Botti da record" Romanzo di Gerardo Iacuzio.
"Non si tratta affatto di fuochi d’artificio. Ma di contenitori giganteschi di birra.
   Il 25 aprile la vittoria della Roma calcio sul Napoli ha consegnato alla Juventus il quinto scudetto consecutivo con tre giornate d’anticipo. 
   Eguaglia il grande Torino di Meroni. Ma fa la differenza, oltre all’anticipo, il record di imbattibilità di Buffon e il conto totale dei titoli. Inoltre, nell’epoca Juve, sono state inventate anche le coppe internazionali, di cui il Torino dei cinque scudetti consecutivi è per forza privo. ..." Continua a leggere
 
_______________________________________________________________________________________
Maggio 2016 - "Aplile, dolce dolmile" Romanzo di Gerardo Iacuzio, scritto  a mano con inchiostro di china.
"Tre colombi. Sta per smettere di piovere.
Quante rondini e una colomba! All’improvviso. Questo romanzo promette di essere una bomba.
Vola nell’aria piovigginante anche una cicogna. E pensare che volevano metterla alla gogna. ..." Continua a leggere
_______________________________________________________________________________________
Maggio 2016 - romanzo "L'Annunziata presa della Bastiglia"
"Ridendo e scherzando, sono giunto all’età di Dante e di Napoleone. 56 anni, completamente brizzolati.
Indosso il cilindro del poeta, il cappello da contadino. Mi trovo nella biblioteca, alle spalle di Adelina. Per cui, dico alla mia penna di fare la persona educata. E alla mia persona di comportarsi bene. Dico al muro! Ho già bisogno di un caffè. 
Purtroppo, mezzogiorno è passato dalla bellezza di 5 minuti. E la responsabile della biblioteca deve andare in missione. Rimango solo fra quintali di narrativa. Cosa volete che influisca il peso di questo quadernetto? Mi pesano soltanto gli occhiali da quasi miope.
Non per scrivere questo quaderno, ma devo annotare qualche evento, per cominciare finalmente questo racconto. 
Il palazzo dell’Annunziata è la sede della casa del popolo delle due Montoro riunite. Ebbene, il monarca, il signor sindaco Mario Bianchino, è sempre stato nostro amico. Parlo di noi artisti, un vero scrittore. Parlo di noi ultimi, quelli desiderosi di giustizia. ..." Continua a leggere.
_______________________________________________________________________________________
Aprile 2016 - "Il falso messia di Lucifero" romnzo di Gerardo Iacuzio.
<< Io non credo ai filosofi, >> diceva il vecchio il settantenne in cui abitavo. <<Perché quegli stolti guardavano in alto. Io dico che il mondo l’ha creato in terra, mi guardo attorno per cercare di capire dove diavolo mi trovo. >>  
Il vecchio si offendeva se non ridessi della sua filosofia.  Mi era difficile non morire soffocato dalle risate. Eppure lo stuzzicavo. Sentite questa:
<< Zio, sei mai stato innamorato? >>
<< Lo sono ancora. ‘Sono di carne’, disse la bistecca. E la donna la condannò al rogo. >>
Ridete al mio posto, per favore. Devo scrivere.
<< Di chi sei innamorato? >> gli chiesi ancora. 
<< Dell’Avellino. Forza ragazzi! Il lupo ce l’ha duro. >>
Il vecchio non disprezzava il celodurismo di Bossi. Lo pregai di mettersi seduto davanti al camino e di fare il bravo fino al mio ritorno. ..." Continua a leggere.
_______________________________________________________________________________________
Marzo 2016 - "Eva, l'unica Madonna del mondo" romanzo di Gerardo Iacuzio.
"I miei pochi lettori ricorderanno che l’ho già affermato, di recente. Questo libro cerca di illustrare il mio personale modo di vedere la vita.
Esso è cambiato. Soltanto gli imbecilli non cambiano idea, come disse un illuminato francese. Infatti, ragionate, che motivo avrebbe avuto Dio di illuminare la saggezza nella vecchiaia dell’uomo? Con che cosa il Demonio compenserebbe la pace dei sensi?
La protagonista di questa storia si chiama appunto Eva, la quale si considera il sostegno della partoriente anche dei secoli. Dice di averlo fatto per non costringere i suoi figli a vivere addossati nei pochi giorni di permanenza della sua carne sulla Terra.
Eva, in prossimità della menopausa, quella di questo romanzo, non era ancora diventata madre. Mi ha raccontato di una sua visione. Leggete! Altrimenti che scrivo a fare?
Il Sole del tramonto di Agosto divenne di colore purpureo. Poi, il volto terribile del Demonio. La sua voce rauca e odiosa le disse: << Sono il tuo Signore. Mi appartieni. >> ... Continua a leggere
_______________________________________________________________________________________
Marzo 2016 - "Vado incontro alla Luna" romanzo di Gerardo Iacuzio.
"Il lavoro è preghiera. Io sono ateo. Sono arrabbiato con Dio, perché mi ha costretto al lavoro, con il quale ho sempre avuto un pessimo rapporto.
Faccio l’assenteista. Mi nascondo dietro gli scaffali della fabbrica, saltellando sulle ore leggendo, incontro alla sera, per potermi coricare al fianco della mia donna.
Lei, la donna, ci costringe a una scelta, il Paradiso o l’Inferno. Io sono nato sadico e ho sempre preferito l’Inferno. Adesso, invecchiato, devo accontentarmi del Paradiso.
Il ‘68 del nord Italia? Si trattò di una pagliacciata, con il suo statuto dei lavoratori. Dovete sapere, che il lavoro dipendente è illegale, oltre a offendere il secondo comandamento. L’uomo non deve inchinarsi a padroni sulla Terra, Per cui, il sistema dovrebbe consentirmi di fare il falegname in proprio, esentasse.
Perché nostro Signore non manda finalmente un profeta degno di quel nome a dirlo al mondo? ... " Continua a leggere
________________________________________________________________________________________
Marzo 2016 - "Il filo alla sofia" scritto di Gerardo Iacuzio.
________________________________________________________________________________________
Commessa SNAI
"Salve! disse il serpente con gli occhiali, portatore di verità.
Non con l'oro, ma con il ferro, si qualifica la Roma.
O cavallina storna, commessa snai, puntate due euro metallici sulla Roma qualificata.
Spargete la voce in tutte le lingue.
I piedi bianchi di tutto il mondo venderanno anche la biancheria intima delle loro mogli.
E la povera Roma, in quel di Madrid, buscherà un'altro sonoro paliatone.
Quindi, Massimina la Snai, mio compaesano, mi pagherà, come percentuale, un'altra pensione."  

"Commessa SNAI 2" La vendetta
"Non prendetevela. Sono stato imbrogliato anch'io, da una donnaccia del livello mio. Finalmente l'ho trovata e mi diverto proprio tanto.
Il Bayern fa schifo, la Juve soffre di tifo, dei tifosi.
Ma non vuol dire. Il popolo bianconero venderebbe la propria madre. Figuriamoci la squadra.
Giocheranno l'1X...
Per cui, signorina cavallina storna, giocate questa moneta unica nazionale per un colpo italico in Germania.
E muta come un pesce, quello di aprile, quando, nella ricorrenza in questione, gli italiani non riscuoteranno la pensione."

"Commessa SNAI 3"
"La silenziosa e giusta rivoluzione
giovedì 10 03 2016
Il Napoli, come la Grecia, fuori dall'Europa. senza clamori ne mercanteggiamenti.
Ha fondato una sua moneta, il baratto.
O, cavallina, cavallina storna, perché taci????
sono anche io un suddito di HIUGUAIN e ti posso pagare soltanto in natura."
Gerardo Iacuzio
____________________________________________________________________________________
Febbraio 2016 - "L'evoluzione della specie umana" Gerardo Iacuzio.
Il fondatore della psicoanalisi, parte integrante della psicologia, è Sigmund Freud.
Figlio di un ebreo trapiantato a Vienna nel 1860, ha avuto enormi difficoltà per affermarsi come studioso della mente umana. Infatti, all’epoca, chi si dedicava a questi studi veniva considerato pazzo.
Freud dimostra, con l’invenzione dell’ipnosi, che l’isteria è una patologia mentale e nient’affatto una simulazione.
Senza essere spronato dal padre verso la religione ebraica, si dedica spontaneamente allo studio della Bibbia, dichiarandosi poi ateo. Ma il suo pensiero è pagano.
Infatti, nei suoi studi e nei suoi prodotti, si è soffermato alla materialità del conscio, considerando subconscio, Io e Es il vuoto. Questi elementi, secondo lui, possono generare solamente teorie sbagliate, come tutto quello che va oltre il tangibile, compreso lo Spirito umano. Innamorato di una sola donna e padre di cinque figli, fra cui Anna, ultimogenita psicoanalista.
Il suo allievo prediletto è lo svizzero Karl Gustav Jung, che diviene presidente del gruppo di studiosi fondato dallo stesso Freud, in seguito alle persecuzioni dei nazisti verso gli israeliti.
Jung considera il subconscio, l’Io e l’Es motore dell’essere. Si dichiara intenzionato a continuare il viaggio di Freud in questa direzione. E’ un giovane psichiatra volenteroso di apprendere.
Il concetto della sessualità è causa di rottura fra allievo e maestro.  Continua a leggere
______________________________________________________________________________________
Febbraio 2016 - Romanzo di Gerardo iacuzio: "Da soli insieme"
Chanelle serviva il caffè con un senso di conquista, il lavoro che aveva sempre desiderato. Un’occupazione normale, che non l’aveva obbligata alla terribile trafila della scuola.
A diciassette anni, aveva invocato ai genitori l’indipendenza. La conquista della vita non ammetteva guide, né tutori. I professori erano stati i genitori moltiplicati. 
Dietro il banco del bar, il suo padrone era l’orologio. Il datore era il giovane maturo Enzo. Egli le aveva dato completa fiducia e autonomia. Tutta l’autorità era consistita nell’istruzione di pochi minuti alla macchina dell’espresso.
Chanelle lo vedeva parte del viaggio intrapreso, una tappa e non un conducente. ..." Continua a leggere
____________________________________________________________________________________
 
 "Allarmi a scopo di lucro" di Gerardo Iacuzio - febbraio 2016
Hanno cominciato dalla rete principale della televisione di Stato. In un lungo servizio, hanno parlato di un crescete numero di tumori alla tiroide, specie nelle donne.
   Secondo il presunto luminare, la tiroide gestisce il metabolismo delle nostre cellule. Falso. Le cellule del nostro corpo, a differenza di quelle nervose, che crescono ma non si riproducono, si riproducono senza cambiare la loro forma, che è la stessa, dal concepimento alla dipartita. Il fenomeno è facilmente riscontrabile anche servendosi di un rudimentale microscopio.
   Sappiate che il compito della tiroide è quello di regolare lo sviluppo del nostro corpo. Questo termina all’età di 24 anni. Ora, l’organismo può e deve farne a meno, asportandola, proprio per evitare piccoli e grossi problemi, alla pari della necessaria estrazione del molare del giudizio, il quale termina la sua missione subito dopo la crescita, eliminando intervalli fra gli altri denti. Ad esso la spazzolino non può arrivare, causando malattie dentali come la gengivite, la piorrea e la carie, che si espanderanno per tutto l’apparato. Ma torniamo alla tiroide.
   La spesa per medicine superflue è irrisoria, nel business delle visite e dei parziali interventi chirurgici, per la persona e per lo Stato.
   Altra paura è stata provocata dalla caduta della borsa di Milano. Abbiamo tutti creduto di stare per assistere alla nostra imminente miseria. E’ vero il contrario.
   L’oro presente presso la banca d’Italia è rimasto lo stesso. E’ successo che il valore equivalente, in moneta, si è trasferito in basso alla scala sociale. Qui si regge in piedi la struttura, dove è impossibile evitare i tributi.
   Con la moneta nuova, sono mancati al ritorno seimila miliardi di lire. E la zecca dello Stato ha potuto consegnare al Ministero del tesoro l’equivalente in euro. I prezzi sono subito raddoppiati, a causa del potere occulto che governa la quasi totalità della nazione, appropriandosene e portandolo all’estero.
   Quindi, la medicina sarebbe un nuovo cambio di moneta, che obbligherebbe il suo ritorno presso le nostre banche per il cambio, con la dichiarata provenienza.
Infine, le dovute cauzioni riporterebbero forza allo Stato, invece di arricchire le banche con la paura di un futuro visto erroneamente nero.
Gerardo Iacuzio
_______________________________________________________________________________________

LE POESIE DI GERARDO IACUZIO

 
"Un cuore che sfugge alle regole
sfonda tutte le rocce
dell’amore camuffato,
soltanto desiderio di possesso.
la solitudine di un folle
trapassa le pupille 
di tutte le donne
che gli regalano lo sguardo.
In ognuna di esse
Il tuo volto.
La solitudine, l’unico riflesso
che no altera
l’immagine della forza cieca
della follia.
Ma, 
infine,
la mia anima
diventa sanguinante
di colpa,
perché il mondo di regole di cartapesta
viaggia anch’esso
verso Dio."
 
"Non importa
se esisti
o ti ho inventato.
Sei un amico.
E l’emozione
mi fa volare
oltre le nuvole
grondanti di pioggia castigatrice.
I miei molti anni
hanno scioccamente lottato
per difendere la carne
e la dignità.
Tu sei venuto
in soccorso
Anche dei miei capricci.
Lo so,
l’hai fatto per il Signore.
Per questo,
sorridi pazientemente
della mia malata ribellione
verso il senso del dovere.
Ma,
scrivendoti,
ti confesso le mie colpe."

"Al bar notturno
la malefica follia dell’alcol
mi ha rubato
l’ombrello usurato.
Una mano pietosa
soccorre la mia malattia
già clemente.
E ha smesso di piovere
Sul tragitto verso casa mia.
Il viso della mano soccorritrice
Ha pochi anni vigorosi.
Mi chiede un insegnamento.
So soltanto
che la mia diversità
mi ha fatto vivere
tutto il mio viaggio
fuori dall’assurdo della lotta.
Ed è tanto tempo
che sono giovane,
al punto da sentire la Vita
soltanto per un caffè
regalato alla mia diversità."
 
"Il mondo dei normali
produce per il diverso,
per volere del potere.
Il diverso produce squallore e arretratezza.
Ma la foga della follia
invoca giustizia divina.
E dalle nuvole
cade la grandine del sapere,
tutta nel cesto del malato.
Egli la semina
alle intemperie,
perché visto da tutti.
Gli stolti conservatori,
scalciano lo sgraziato predicatore.
Ma egli vive
in una realtà parallela
e non rimane ferito.
Infine, produce,
con il lavoro sdegnato da tutti
e con quello che consegna
il primo gradino
della scala sociale,
che esiste soltanto per i normali."

"Il verde di maggio
è innaffiato
dagli ultimi versi dell’inverno.
Il diverso
innaffia di poesia 
I bentornati colori
dell’amore e della speranza.
Chi lo esclude dal genere umano
colpisce con una bestemmia
un albero robusto
che toglie spazio al parcheggio.
Però,
alimenta l’urlo
con l’ossigeno vitale
che esso gli procura.
Il diverso se la ride,
perché la floa bestemmiata
non risente dell’offesa.
Lassù in collina,
intanto,
la scure omicida
sfolta la vita silenziosa
delle querce attempate."
Gerardo Iacuzio, 2016


Archivio Arte Italiana Vernissage - Pittori Emergenti - PI: 02898650136 Mostre Artisti Italiani | Creative Studio
  • Woolrich Blu
  • Spaccio Woolrich Bologna Indirizzo
  • Woolrich Online Shop
  • Giubbotti Woolrich Donna
  • Cappello Woolrich
  • Woolrich Parka Outlet Bologna
  • Prezzi Woolrich Giubbotti
  • Woolrich Beige Donna
  • Woolrich Mac
  • Indirizzo Outlet Woolrich Bologna